Seguici    
Accedi
 

Festival del Pensare 2018: viaggio

Il viaggio, in tutte le sue molteplici accezioni – nel cinema, nella letteratura, nel teatro, nella filosofia, nell’arte – è stato il tema della IV edizione del Festival del Pensare, ideato e curato dall’associazione culturale Pensiamo insieme, che si è svolto dal 18 al 24 luglio sulle colline della Costa degli Etruschi, nei comuni di Cecina (LI), Guardistallo, Montescudaio e Casale Marittimo (PI).
Rai Cultura, media partnership della manifestazione, ha intervistato alcuni degli ospiti. L’artista Lorenzo Mattotti, protagonista dell’incontro dal titolo Perdersi tra sogni e pensieri, che ha guidato il pubblico in un viaggio negli spazi del sogno e dell’arte e che ha raccontato il tema del viaggio nella sua produzione artistica. Philipp Bonhoeffer, medico, musicista e liutaio, nipote del teologo Dietrich Bonhoeffer, ha affrontato i temi della fragilità delle idee e del rapporto tra scienza e musica. Il filosofo Remo Bodei ha parlato del viaggio, inteso anche in senso mentale, come viaggio che riguarda i sogni e i paesaggi del sogno, e dei “paesaggi sublimi”. Lo psichiatra Vittorio Lingiardi ha parlato del paesaggio come Mindscape, ossia come psiche nel paesaggio, la scena naturale, vista nella nostra soggettività, attraversata in base alle nostre memorie e ai nostri segnali affettivi, un paesaggio come luogo mentale scoperto o ritrovato, perché già dentro di noi.
Infine lo psichiatra Marco Francesconi ha parlato del modo in uno psicanalista può vedere oggi la problematica dell’autismo, mettendo in discussione gli elementi dogmatici e gli stereotipi che fino ad oggi ne hanno condizionato la diagnosi e la terapia.