Seguici    
Accedi
 

Il Diplomacy Challenge all`XI Festival della Diplomazia

 Il Diplomacy Challenge all`XI Festival della Diplomazia

È dalla scuola che parte l’undicesimo Festival della Diplomazia che quest’anno si svolgerà in modalità ibrida, in presenza e online, dal 19 al 30 ottobre a Roma.

Con il patrocinio del Ministero degli Esteri, della Rappresentanza in Italia della Commissione e del Parlamento Europeo, di oltre 70 Ambasciate, 9 Università e numerosi partner scientifici, Diplomacy 2020, dopo l’apertura del 19 ottobre affidata alla speciale intervista al Commissario Europeo Paolo Gentiloni affidata a Maurizio Molinari, vedrà due giorni fitti di appuntamenti dedicati alla scuola con l’originale Diplomacy Challenge che già nel 2018 aveva visto confrontarsi studenti degli istituti superiori provenienti da tutta Italia e dal 22 al 30 ottobre con le quotidiane Lezioni di Diplomacy.

Diplomacy Challenge è una vera e propria sfida della diplomazia, un gioco e al tempo stesso un tavolo “globale" in miniatura per far comprendere alle nuove generazioni le dinamiche internazionali per preparare i giovani al confronto e ad impostare le relazioni umane tutte, a qualunque livello e di qualunque carattere, su un metodo “diplomatico”, rigorosamente in lingua inglese, che preveda una preparazione alla ricerca di alleanze e di soddisfazione delle proprie legittime aspettative.

Paese Ospite d’onore del Festival della Diplomazia 2020 è l’Arabia Saudita, che quest’anno organizza il G20, ed è proprio a questa assise internazionale che sarà dedicata la simulazione, organizzata insieme al Ministero dell’Istruzione, che vedrà 20 Istituti Superiori di tutta Italia interpretare il ruolo dei 20 Paesi partecipanti, dibattendo sulle stesse tematiche che saranno oggetto di discussione e negoziazione il prossimo novembre a Riad.
La sfida non si concentrerà sul bisogno di raggiungere un accordo a tutti i costi, ma sul modo in cui le proprie ragioni saranno presentate a una giuria di Diplomatici di carriera, cui certo non sfugge quanto possa essere lungo ed estenuante quell’azione diplomatica che si fonda essenzialmente sulla capacità di illustrare le proprie posizioni, di ottenere consenso e tessere le alleanze necessarie a sostenere le proprie richieste. Un modello di lavoro molto più vicino alla realtà dell’azione diplomatica e della politica internazionale. Nella definizione dei temi da dibattere e delle giurie, il Festival della Diplomazia mette a disposizione l’ampia rete di relazioni, frutto della propria pluriennale esperienza nel campo.

I ragazzi riceveranno il saluto e l'incoraggiamento d’inizio in diretta da Riad dall'ambasciatore Dr. Fahad Almubarak, sherpa del G20 saudita, e da un rappresentante del comitato italiano della Presidenza del Consiglio che sta preparando il prossimo G20 del 2021 a presidenza ita-liana.

Il Festival della Diplomazia dedicherà grande spazio alla scuola e ai suoi protagonisti non solo attraverso il Diplomacy Challenge: agli studenti saranno dedicate le Lezioni di Diplomacy che ogni giorno dalle 9.30 alle 12.00 sul diplo-channel One, offriranno ai professori spunti da approfondire nelle materie di Storia, Filosofia, Economia, Geografia, Storia della Diplomazia, lotta alle diseguaglianze, letteratura e politica, grazie alla collaborazione con l’Università degli Studi Roma Tre, l'Università Cattolica del Sacro Cuore, l’Università LUISS Guido Carli, l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata, l’Università degli Studi Guglielmo Marconi, la Fondazione Luigi Einaudi, l’Associazione Diplomatici a riposo, la Società Geografica e la World Bank.

“La scuola parte integrante del nostro paese e non solo” ha dichiarato Giorgio Bartolomucci, Segretario generale Festival della Diplomazia. "La gestione di dinamiche globali che ci riguar-dano sempre più e dalle quali non possiamo né vogliamo recedere è la grande sfida che la Scuola italiana sta affrontando insieme alle altre Istituzioni dello Stato e alle forze democratiche e sociali. Il nostro progetto, rivisitato in versione digitale, intende concentrare la propria at-tenzione sull’equilibrio che va ricercato tra la legittima aspettativa di una difesa della salute e dei diritti elementari dei cittadini e la crescita nel rispetto dei valori universali della solidarietà e della sostenibilità".

Il Festival della Diplomazia torna a Roma dal 19 al 30 ottobre 2020 a Spazio Europa e on-line, raccogliendo la sfida del confronto diplomatico globale nell’era della pandemia: un viaggio tra i temi più urgenti dell’attualità, affrontati da alcuni dei principali protagonisti del settore, con classici incontri dal vivo e, per la prima volta, attraverso 4 inediti diplo-channel per 10 ore no-stop quotidiane di approfondimenti, interviste e confronti, insieme a sessioni speciali e retrospettive esclusive, per un totale di 90 ore di full immersion tra com-prensione del passato e del presente, riflessione e riprogettazione collettiva del futuro e dei suoi scenari.

Ogni evento avrà una sua programmazione distribuita nell’arco della durata del Festival, dal 19 al 30 ottobre, e sarà diffuso tramite la piattaforma digitale e i canali social del Festival.
 

Programma completo su: www.festivaldelladiplomazia.eu 

Tags

Condividi questo articolo